Opinioni


La Piazza Il Rilancio dei centri storici e delle tipicità locali

30/05/2014

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri storici, come aumentare le visite ai beni culturali delle città delle province, come rendere visibili e commercializzabili i prodotti tradizionali tipici locali,  come rilanciare l'artigianato ?


Partiamo da una analisi dei fatti (vale per molte città storiche italiane):

Domanda: perché i centri storici si stanno spopolando?
Risposta:
1. Problemi di accesso e di sosta.
2. Assenza di attrattive sufficienti a giustificare investimenti in attività commerciali.
Prima soluzione (ovvia): consentire un'agevole accesso e sosta.
Seconda soluzione: trovare una serie di attrattive che siano finalizzate a consentire un'adeguata movimentazione economica.
Da oltre un decennio le uniche proposte hanno riguardato solo la questione sosta ed accesso.
Altre proposte ci sono state ma di tipo culturale o di intrattenimento che non hanno, economicamente, giustificato investimenti nei centri storici.
Manca quindi un "prodotto" attraente e conveniente.
Allora quale potrebbe essere il "prodotto" attraente e conveniente?

A questo punto serve analizzare lo storico del commercio nazionale ed internazionale:
- nell'ultimo ventennio si sono affermati i marchi;
- hanno perso competitività i prodotti "no brands";
- non hanno avuto espansione il prodotto di qualità di origine locale;
- si sono affermati gli outlet; ovvero la vendita di prodotti dei marchi a prezzi "accessibili";
- si sono affermate città create dal nulla dove i consumatori si riversano per effettuare gli acquisti di marchi noti, outlet e prodotti di importazione a basso costo.

Di fatto, da un lato abbiamo :
- il compito di rivitalizzare un centro storico e i conseguenti BENI ARCHITETTONICI E CULTURALI;
- l'esigenza di dare cittadinanza e spazio commerciale ad un prodotto tipico locale;
- la necessità di generare un qualificato afflusso di potenziali clienti.
Dall'altro abbiamo :
- la necessità di creare, ovvero professionalizzare, un sistema di OSPITALITA' DIFFUSA nel centro storico (hotel, trattorie, osterie ed intrattenimenti vari);
Ma le iniziative dovrebbero essere assicurate dalla selezione di sub-prodotti che abbiano le maggiori affinità al target che ci interessa coinvolgere. La qualità, la tradizione , il prezzo accessibile e le ambientazioni dovranno essere gli elementi che potranno ridefinire un nuovo modello vincente.
Se l'attrattiva la fa l'outlet, questo va affiancato ai prodotti di QUALITA' TIPICA LOCALE.
Va da sé che i proprietari dei locali dovrebbero agevolare lo start-up ed i relativi investimenti strutturali ordinari e straordinari.
Le attività promozionali collettive dovrebbero essere affidate ad una agenzia specializzata.
Dall'altro lato abbiamo la necessità di acquisire i punti di forza e di inglobarli all'interno con le prerogrative della piazza. In particolare:
- APERTURA DI OUTLET numero e qualità sufficienti a determinare una qualificata recettività;
- individuazione strutturazione di ACCESSI E SOSTE AUTO. Ciò connesso ad un sistema più ampio di trasporto organizzato, sistematico e continuativo (compreso la presenza ed accesso smart city);
- un ampio articolato di SERVIZI ALLA PERSONA E ALLE COSE che completa l'offerta usualmente presente nei centri commerciali e outlet.
La presenza di tutte queste condizioni potrebbero determinare la rivitalizzazione dei centri storici e far ritornare la piazza il nuovo centro del commercio in cui la tradizione si sposa al moderno "accessibile".
La piazza "noto non noto" dovrebbe così competere con i centri commerciali. Il piacere di far rivivere le nostre tradizioni avendo le giuste motivazioni per la frequentazione.
Solo con la combinazione di prodotti da outlet, tipicità, cultura, accessibilità e servizi vari si potrà determinare la rinascita ed il rilancio della Piazza di FERMO, anche come area diffusa sul territorio, oggi, e delle altre piazze dell'Italia domani.


Dr. Nazzareno Vita

Direttore ITPI

direzione@produttori.net

Tel.+39.329.4511350


Print  Send  

Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...